Category Archives: interventi

“Attuare la Costituzione”

Intervento di Giorgio Cremaschi al Convegno di Napoli del 14/05/2017

Europe-NoPer attuare la nostra Costituzione, come giustamente propone questa assemblea, bisogna rompere con euro UE e NATO che la stanno affossando.

Per quelle contraddizioni che ogni tanto colpiscono anche i palazzi del potere, per nostra fortuna, la BCE ha sbugiardato tutte le statistiche ufficiali ed i loro escamotage contabili per ridurre la disoccupazione, lo ha fatto partendo dall’andamento negativo dei salari, non in grado di garantire una vera ripresa. Read more

L’ideologia “progressista” e il declino della sinistra

di Carlo Formenti

destra-sinistra-bohMi capita raramente di condividere quasi tutto di un articolo che leggo sul Corriere della Sera, e mi capita ancora più raramente se l’autore dell’articolo è Ernesto Galli della Loggia. Ma devo confessare che la lettura del suo pezzo di apertura (con continuazione all’interno, sulla pagina “Opinioni e commenti”) datato giovedì 9 marzo e intitolato “Progresso (e declino) a sinistra” mi ha strappato un applauso mentale. Ne sintetizzo le argomentazioni di fondo, anche attraverso una serie di citazioni. Read more

AI RENZIANI DISPERATI, CHE ORAMAI PARLANO SOLO DEL NO DI CASAPOUND, RISPONDO UNA VOLTA PER TUTTE COSÌ:

di Giorgio Cremaschi

558063_265123293621571_2137410989_n

I Giovani Democratici (PD) ospitano Simone Di Stefano, leader di CasaPound nel circolo di Latina. Chi va a braccetto con i fascisti?

 

Egregi renziani,
capisco che non vediate lo stato d’assedio che la polizia su ordine del vostro governo organizza, e le bastonate che vengono distribuite attorno ai comizi del vostro Renzi. Quando ciò succedeva con i governi di destra molti di voi si indignavano, ma erano altri tempi. Capisco che non vi scandalizzi che il 90% dello spazio televisivo sia per il presidente del consiglio, che voi amate così tanto da non accorgervi che occupa molta più tivù del Berlusconi dei tempi d’oro. Capisco che non vi tocchi il fatto che il capo del governo spedisca 4 milioni di lettere agli italiani all’estero, cosa che il Comitato per il NO non può fare. Read more

LE RAGIONI DEL MIO NO AL REFERENDUM

di Paolo Brunetti, Dirigente Amministrativo presso il Comune di Casalecchio di Reno (Bologna)

Il più forte non sarebbe sempre il più forte se non trasformasse la forza in diritto e l’obbedienza in dovere.
(Jean Jacques Rousseau)

14445947_1196808477052980_5740391151085215293_nLE CINQUE FASI CHE, A PARTIRE DAL 1980, HANNO PORTATO
ALLA DEMOLIZIONE DELLA COSTITUZIONE

LA DEMOCRAZIA È FINITA. NE ABBIAMO ESPORTATA TROPPA …E NON NE È RESTATA PIU’ PER NOI!

Dopo 35 anni (1945 – 1975) di una Politica che comandava sull’Economia ne sono iniziati altri 35 (1980 – oggi) in senso opposto, in cui l’Economia comanda sulla Politica.

SOVRANITÀ + SPESA PUBBLICA: COMANDA LA POLITICA
Lo Stato e gli organismi territoriali controllati democraticamente dai cittadini promuovono una distribuzione della ricchezza dall’alto verso il basso.Dal dopoguerra in avanti, lo sviluppo del nostro paese si è basato su alcuni principi cardine che hanno portato l’Italia ai primi posti in Europa per capacità produttiva e industriale e nel Mondo come capacità di risparmio. Eccoli:Una SPESA PUBBLICA POSITIVA: il “miracolo economico” del trentennio 1945/1975), che si è tradotta in investimenti pubblici (rete elettrica, idrica, stradale, ferroviaria, sanitaria, postale, ENI, IRI ecc). In questo quadro di progresso economico si realizzò il MIRACOLO ITALIANO. Read more

Eppur si muove

di Giorgio Lonardi per Ross@ Verona

Schermata 2016-06-21 a 22.13.45Il cataclisma verificatosi ai ballottaggi di domenica segna una svolta importante e invia un fortissimo segnale politico che si può riassumere in tre direzioni concomitanti e complementari: un crescente astensionismo, la vittoria del M5S e, soprattutto, la sconfitta del PD. La sfida dei prossimi mesi consisterà nel saper leggere e interpretare questo segnale e nel presentare proposte politiche all’altezza della situazione. Read more

« Older Entries